logo.png

Aggiornamenti dalle Attività Sportive

Statuto

 

2) - Carattere dell’Associazione

L’Associazione è apartitica, ha carattere volontario e non ha scopo di lucro.
I soci sono tenuti ad un comportamento corretto sia nelle relazioni interne con
gli altri soci che con i terzi, nonché all’accettazione delle norme del presente
Statuto.
L’Associazione accetta incondizionatamente di conformarsi alle norme e alle
direttive del CONI, nonché agli statuti ed ai regolamenti del C.S.I. Centro
Sportivo Italiano, ente di promozione sportiva cui essa è affiliata e di cui riconosce
e condivide le finalità, i progetti e i programmi operativi, e/o della Federazione
Italiana di appartenenza.
S’impegna altresì ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi
competenti dell’ente di promozione e/o della federazione dovessero adottare
a suo carico, nonché le decisioni che le autorità dei predetti enti dovessero
prendere in tutte le vertenze di carattere tecnico e disciplinare attinenti
all’attività sportiva.
Costituiscono quindi parte integrante del presente statuto le norme degli statuti
e dei regolamenti dell’ente di promozione sportiva e/o federali di riferimento
nella parte relativa all’organizzazione e alla gestione delle società affiliate.


3) - Sede e durata dell’Associazione


L’Associazione ha sede nel Comune di Sasso Marconi e ha durata illimitata.

4) - Scopi dell’Associazione


L’Associazione trova la sua ragione di essere nella volontà dei soci di vivere
insieme lo sport come momento aggregativo di educazione, di maturazione
umana e di impegno sociale, mediante la partecipazione ad attività sportive e
ricreative aperte a tutti.
L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate, ad
eccezione di quelle connesse o accessorie a quelle statutarie, in quanto integrative
delle stesse.
Per il raggiungimento dello scopo sociale l’Associazione potrà svolgere le seguenti
attività:
a) diffondere la pratica nei diversi campi sportivi, mediante l’organizzazione
di attività sportive dilettantistiche;
b) dare ampio sviluppo alle scuole di sport che promuovano l’attività didattica
di avvio, aggiornamento e perfezionamento nelle attività sportive;
c) svolgere l’attività di gestione, conduzione, manutenzione ordinaria di impianti
ed attrezzature sportive;
d) svolgere attività ricreativa in favore dei propri soci presso la sede sociale,
ivi compresa la gestione di un punto di ristoro;
e) promuovere la salvaguardia e la valorizzazione dell’ambiente, dei beni culturali,
del patrimonio storico, monumentale e artistico, diffondendo la cultura
del viaggio e della conoscenza paesaggistica.
E’ espressamente esclusa ogni attività professionistica ai sensi delle vigenti
disposizioni di legge.


SOCI


5) - Requisiti dei soci

Il numero dei soci è illimitato e all’Associazione possono aderire tutti i cittadini
di ambo i sessi italiani o stranieri residenti in Italia, senza distinzione di
età e religione, che si impegnino a contribuire alla realizzazione degli scopi
sociali.
Ogni socio ha i medesimi diritti e doveri all’interno dell’Associazione, può
partecipare alle attività associative e usufruire delle strutture sociali.
Tutti i soci maggiorenni hanno diritto di voto e di essere eletti alle cariche sociali,
di intervento in assemblea e ad essere informati sulle decisioni e iniziative
deliberate ed in corso di deliberazione.


6) - Ammissione dei soci

L’ammissione dei soci è libera.
L’accettazione delle domande per l’ammissione dei nuovi soci è deliberata dal
Consiglio direttivo.
La domanda di ammissione deve contenere l’impegno ad osservare il presente
statuto, l’eventuale regolamento interno e le disposizioni del Consiglio direttivo.
In caso di domanda di ammissione a socio presentata da minorenne la stessa
dovrà essere controfirmata dall’esercente la potestà legale. L’esercente la potestà
che sottoscrive la domanda rappresenta il minore a tutti gli effetti nei
confronti dell’Associazione e risponde verso la stessa per tutte le obbligazioni
dell’associato minorenne.
L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta
per un periodo temporaneo, fermo restando in ogni caso il diritto di recesso.
L’adesione all’Associazione comporta per l’associato maggiore di età il diritto
di voto nell’assemblea per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e
dei regolamenti, nonché per la nomina degli organi direttivi
dell’Associazione, nonché per tutti i soci il diritto a partecipare attivamente
alla vita associativa.


7) - Doveri dei soci


L’appartenenza all’Associazione ha carattere libero e volontario, ma impegna
gli aderenti al rispetto delle risoluzioni prese dai suoi organi rappresentativi,
secondo le competenze statutarie.


8) - Perdita della qualifica di socio

La qualifica di socio può venire meno per i seguenti motivi:
a) dimissioni volontarie;
b) esclusione, deliberata dal Consiglio direttivo, per morosità protrattasi per
oltre due mesi dalla scadenza del termine stabilito per il versamento della
quota associativa;
c) radiazione deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio
direttivo, pronunciata contro il socio che commetta azioni ritenute disonorevoli
entro e fuori dell’Associazione, o che, con la sua condotta, costituisca
ostacolo al buon andamento del sodalizio;
d) scioglimento dell’Associazione, come regolato dal presente statuto.
Il provvedimento di radiazione di cui alla lettera c) rimane sospeso fino alla
decisione dell’assemblea che esaminerà l’eventuale impugnazione in contradditorio
con l’interessato. L’associato radiato non può essere più ammesso.
I soci decaduti ai sensi delle lettere a) e b) sono tenuti all’integrale pagamento
delle quote associative per l’anno in corso.


9) - Organi dell’Associazione

Sono organi dell’Associazione:
- l’Assemblea generale dei soci;
- il Consiglio direttivo;
- il Presidente.


ASSEMBLEA

10) - Partecipazione all’Assemblea

L’associazione ha nell’Assemblea il suo organo sovrano.
Hanno diritto di partecipare all’Assemblea sia ordinaria che straordinaria tutti
gli aderenti maggiorenni all’Associazione.
L’Assemblea viene convocata in via ordinaria almeno una volta all’anno entro
quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale per l’approvazione del rendiconto
economico e finanziario dell’anno precedente e per l’eventuale rinnovo
delle cariche sociali.
L’Assemblea può inoltre essere convocata tanto in sede ordinaria che in sede
straordinaria:
a) per decisione del Consiglio direttivo;
b) su richiesta indirizzata al Presidente di almeno un terzo dei soci maggiorenni.

11) - Convocazione dell’Assemblea

Le assemblee ordinarie e straordinarie sono convocate almeno otto giorni
prima di quello fissato per l’assemblea mediante affissione di avviso nella sede
dell’associazione e contestuale comunicazione agli associati a mezzo posta
ordinaria, elettronica, fax o telegramma.
Nella convocazione dell’assemblea devono essere indicati il giorno, il luogo e
l’ora dell’adunanza e l’elenco delle materie da trattare.
L’Assemblea è inoltre validamente costituita, anche in mancanza delle predette
formalità di convocazione, qualora risulti totalitaria, ovvero con la partecipazione
di tutti i soci maggiorenni.

12) - Costituzione e deliberazioni dell’Assemblea

L’Assemblea in sede ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione
con la presenza della maggioranza assoluta degli associati aventi diritto di
voto e delibera validamente con voto favorevole della maggioranza dei presenti.
L’assemblea straordinaria è validamente costituita in prima convocazione
quando sono presenti due terzi degli associati aventi diritto di voto e delibera
con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Trascorsa un’ora dalla prima convocazione sia l’assemblea ordinaria che
l’assemblea straordinaria sono validamente costituite qualunque sia il numero
degli associati intervenuti e delibera con il voto favorevole della maggioranza
dei presenti.
In caso di parità di voti l’assemblea deve essere chiamata subito a votare una
seconda volta.
Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio
sociale occorre il voto favorevole di almeno i 3/4 degli associati.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento,
dal Vice-Presidente, o in caso di assenza di entrambi, dal socio più anziano.
I verbali delle riunioni dell’Assemblea sono redatti dal Segretario in carica o,
in sua assenza, da persona scelta dal Presidente dell’Assemblea fra i presenti.
Le deliberazioni prese in conformità allo statuto obbligano tutti i soci anche se
assenti, dissenzienti o astenuti dal voto.
Le deliberazioni e i rendiconti sono pubblicizzati ai soci con l’esposizione per
10 giorni dopo l’approvazione nella sede dell’Associazione.


13) - Forma di votazione dell’Assemblea

L’Assemblea vota normalmente per alzata di mano.
Su decisione del Presidente e per argomenti di particolare importanza la votazione
può essere effettuata per scrutinio segreto; il Presidente dell’Assemblea
può in questo caso scegliere due scrutatori tra i presenti.
Ogni socio ha diritto ad un voto e può rappresentare in assemblea, per mezzo
di delega scritta, un altro associato.


14) - Compiti dell’Assemblea

All’Assemblea spettano i seguenti compiti:
In sede ordinaria
a) discutere e deliberare sul rendiconto economico e finanziario annuale;
b) eleggere i membri del Consiglio direttivo e il Presidente;
c) deliberare sulle direttive d’ordine generale dell’Associazione e sull’attività
da essa svolta e da svolgere nei vari settori di sua competenza;
d) approvare l’eventuale regolamento interno predisposto dal Consiglio direttivo;
e) deliberare su ogni altro argomento di carattere ordinario sottoposto alla sua
approvazione dal Consiglio direttivo.
In sede straordinaria
f) deliberare sullo scioglimento dell’Associazione;
g) deliberare sulle proposte di modifica dello statuto;
h) deliberare su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla
sua approvazione dal Consiglio direttivo.

CONSIGLIO DIRETTIVO

15) - Compiti del Consiglio direttivo

Il Consiglio direttivo è responsabile verso l’Assemblea dei soci della gestione
sportiva dell’Associazione ed ha il compito di:
a) deliberare sulle questioni riguardanti l’attività dell’Associazione per
l’attuazione delle sue finalità e secondo le direttive dell’Assemblea, assumendo
tutte le iniziative del caso;
b) eleggere al proprio interno il Vice-Presidente e il Segretario;
c) predisporre il rendiconto economico e finanziario da sottoporre
all’Assemblea secondo le proposte della presidenza;
d) fissare le quote di ammissione ed i contributi associativi, nonché la penale
per i ritardati versamenti;
e) deliberare su ogni atto di carattere patrimoniale e finanziario che ecceda
l’ordinaria amministrazione;
f) dare parere su ogni altro oggetto sottoposto al suo esame dal Presidente o
da qualsiasi componente del Consiglio direttivo.
g) procedere all’inizio di ogni anno sociale alla revisione degli elenchi dei soci
per accertare la permanenza dei requisiti di ammissione di ciascun socio,
prendendo gli opportuni provvedimenti in caso contrario;
h) deliberare l’accettazione delle domande per l’ammissione di nuovi soci;
i) deliberare sull’adesione e partecipazione dell’Associazione ad enti ed istituzioni
pubbliche e private che interessano l’attività dell’Associazione stessa,
designandone i rappresentanti da scegliere tra i soci.
j) redigere l’eventuale regolamento interno.
Il Consiglio direttivo nell’esercizio delle sue funzioni si avvale della collaborazione
di Responsabili Tecnici, nominati per ogni settore di attività sportiva
praticata.
Il Consiglio direttivo delibera a maggioranza semplice, per alzata di mano, in
base al numero dei presenti.
E’ fatto divieto agli Amministratori di ricoprire cariche sociali in altre società
e associazioni sportive operanti nell’ambito della medesima disciplina sportiva.

16) - Composizione del Consiglio direttivo

Il Consiglio direttivo è formato da 5 a 15 membri nominati dall’Assemblea
ordinaria e deve essere interamente composto da soci.
Il Presidente dell’Assemblea è anche Presidente del Consiglio direttivo.
Il Consiglio direttivo dura in carica tre anni e comunque fino all’assemblea
ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali.
Al termine del mandato i consiglieri possono essere rieletti.
I membri del Consiglio direttivo decadranno qualora non siano presenti per tre
riunioni consecutive, salvo giustificazione approvata dal Consiglio.

17) - Riunioni del Consiglio direttivo

Il Consiglio direttivo si riunisce sempre in unica convocazione almeno una
volta all’anno entro il 31 marzo e comunque ogni qualvolta il Presidente lo
ritenga necessario o quando lo richiedano almeno tre componenti.
Alle riunioni partecipa il Segretario. In assenza del medesimo le funzioni saranno
svolte da un membro del Consiglio designato dal Presidente.
Le riunioni del Consiglio direttivo devono essere convocate mediante avviso
telefonico o scritto, almeno cinque giorni prima.
Le riunioni del Consiglio sono valide con la presenza di almeno la maggioranza
dei suoi componenti e sono presiedute dal Presidente, o in sua assenza,
dal Vice-Presidente, o in assenza di entrambi, dal consigliere più anziano tra i
presenti.


PRESIDENTE

18) - Compiti del Presidente

Il Presidente dirige l’Associazione e la rappresenta a tutti gli effetti di fronte
ai terzi ed in giudizio.
Il Presidente ha la responsabilità generale della conduzione e del buon andamento
degli affari sociali.
Al Presidente spetta la firma degli atti sociali che impegnano l’Associazione
sia nei riguardi dei soci che dei terzi.
Il Presidente sovrintende in particolare all’attuazione delle deliberazioni
dell’Assemblea e del Consiglio direttivo.
Il Presidente può delegare al Vice-Presidente parte dei suoi compiti in via
transitoria o permanente.
Qualora il Presidente sia impedito per qualsiasi causa all’esercizio delle proprie
funzioni, lo stesso viene sostituito dal Vice-Presidente in ogni sua attribuzione.
Il solo intervento del Vice-Presidente costituisce per i terzi prova
dell’impedimento momentaneo del Presidente.

19) - Elezione del Presidente

Il Presidente è eletto dall’Assemblea dei soci e dura in carica un triennio e
comunque fino all’assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche
sociali.
In caso di dimissioni o di impedimento grave, tale giudicato dal Consiglio direttivo,
l’Assemblea dei soci provvede a sostituire il Presidente.

VICE-PRESIDENTE


20) - Compiti del Vice-Presidente

Il Vice-Presidente dell’Associazione è nominato dal Consiglio direttivo per un
triennio tra i soci e partecipa alle sedute del Consiglio direttivo e alle riunioni
dell’Assemblea.
Il Vice-Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento.
Al Vice-Presidente possono essere delegati dal Presidente parte dei suoi compiti
in via transitoria o permanente.


SEGRETARIO

21) - Compiti del Segretario

Il Segretario dell’Associazione è nominato dal Consiglio direttivo per un
triennio tra i soci.
Il Segretario dirige gli uffici dell’Associazione, cura il disbrigo dagli affari
ordinari, amministra il fondo sociale e svolge ogni altro incarico a lui demandato
dalla presidenza o dal Consiglio direttivo, dai quali riceve direttive per lo
svolgimento dei suoi compiti.
Partecipa alle sedute del Consiglio direttivo e alle riunioni dell’Assemblea.
Allo stesso è demandata la predisposizione del rendiconto economico e finanziario.

FINANZE E PATRIMONIO

22) - Patrimonio dell’Associazione


Il patrimonio dell’Associazione è costituito da beni mobili ed immobili che
pervengono all’Associazione a qualsiasi titolo.
Il patrimonio ed i mezzi finanziari sono destinati ad assicurare l’esercizio
dell’attività sociale.

23) - Entrate dell’Associazione

Le entrate dell’Associazione sono costituite:
a) dalla quota di iscrizione da versarsi all’atto dell’ammissione
all’Associazione nella misura fissata dal Consiglio direttivo;
b) dai contributi ordinari da stabilirsi annualmente dal Consiglio direttivo;
c) da versamenti volontari degli associati;
d) da contributi erogati da pubbliche amministrazioni, enti locali, istituti di
credito e da enti in genere;
e) da introiti di manifestazioni sportive e da raccolte pubbliche effettuate in
concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione;
f) da azioni promozionali, pubblicità, sponsorizzazioni e ogni altra iniziativa
consentita dalla legge.
I contributi ordinari devono essere pagati in unica soluzione entro il 30 settembre
di ogni anno.


24) - Destinazione del patrimonio sociale

All’Associazione è vietato distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi
di gestione comunque denominati, nonchè fondi, riserve o capitale durante la
vita dell’Associazione stessa, a meno che la destinazione o la distribuzione
non siano imposte per legge.
L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per
la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.


25) - Durata del periodo di contribuzione

I contributi ordinari sono dovuti per tutto l’anno sociale in corso qualunque
sia il momento dell’avvenuta iscrizione da parte dei nuovi soci.
Il socio dimissionario o che comunque cessa di far parte dell’Associazione è
tenuto al pagamento del contributo sociale per tutto l’anno sociale in corso.

26) - Diritti dei soci al patrimonio sociale

L’adesione all’Associazione non comporta obblighi di finanziamento o di
esborso ulteriori rispetto al versamento originario all’atto dell’ammissione e al
versamento della quota annua di iscrizione. E’ comunque facoltà degli aderenti
all’Associazione di effettuare versamenti ulteriori rispetto a quelli originari
e a quelli annuali.
I versamenti al patrimonio sociale possono essere di qualsiasi entità, fatti salvi
i versamenti minimi come sopra determinati per l’ammissione e l’iscrizione
annuale, e sono comunque a fondo perduto; i versamenti non sono quindi rivalutabili
né trasferibili a terzi in nessun caso; nemmeno in caso di scioglimento
della Associazione né in caso di morte, di estinzione, di recesso o di
esclusione dalla Associazione può pertanto farsi luogo alla richiesta di rimborso
di quanto versato a titolo di versamento al patrimonio sociale.


NORME FINALI E GENERALI

27) - Esercizi sociali

L’esercizio sociale coincide con l’anno solare, iniziando il 1 gennaio e terminando
il 31 dicembre di ogni anno.
Per ogni esercizio deve essere predisposto un rendiconto economico e finanziario.
Entro il 31 marzo di ciascun anno il Consiglio direttivo è convocato per la
predisposizione del rendiconto economico e finanziario dell’anno precedente,
da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea entro il termine di quattro mesi
dalla chiusura dell’esercizio.
Il rendiconto economico e finanziario deve restare depositato presso la sede
dell’Associazione nei quindici giorni che precedono l’assemblea convocata
per la sua approvazione.
L’amministrazione e la tenuta della contabilità dell’Associazione è affidata al
Segretario secondo le direttive del Presidente.

28) - Scioglimento e liquidazione

In caso di scioglimento per qualsiasi causa l’Assemblea designerà uno o più
liquidatori determinandone i poteri.
L’assemblea, all’atto dello scioglimento dell’Associazione, delibererà in merito
alla destinazione dell’eventuale residuo attivo del patrimonio a favore di altra
associazione che persegua finalità analoghe, fatta salva diversa destinazione
imposta dalla legge.


29) – Regolamento di giustizia sportiva

Le controversie derivanti dall’attività sportiva nascenti tra l’Associazione e i
Soci, ovvero tra i Soci medesimi saranno devolute alla competenza esclusiva
di un Collegio Arbitrale che tutti i Soci si obbligano ad accettare. Il Collegio
Arbitrale sarà costituito da tre componenti, due nominati uno per ciascuna
dalle parti ed il terzo con funzioni di Presidente del Collegio, scelto di comune
accordo, ovvero, in caso di disaccordo, nominato dalla Commissione Vertenze
Arbitrali della Federazione o dell’Ente di promozione sportiva di riferimento.
In assenza di nomina dell’arbitro di parte, la nomina verrà effettuata
dalla suddetta Commissione Vertenze Arbitrali.


30) - Rinvio

Per tutto quanto non è previsto dal presente statuto si fa rinvio alle norme di
legge ed ai principi generali dell’ordinamento giuridico italiano, nonché, per
quanto di competenza, alle norme statutarie e regolamentari del CONI, del
C.S.I. Centro Sportivo Italiano e/o della Federazione sportiva nazionale di appartenenza.

Orari Segreteria

Segreteria  CSI:

Piazza F.lli Cervi, 1 (tribuna Piscina)

Sasso Marconi

Telefono: 324.8912029

Da Lunedì a Venerdì

(dalle 16:00 alle 19:30)

Joomla templates by Joomlashine